Seleziona una pagina

Da Trani a Milano, dal Peloponneso a Porto Sant’Elpidio, passando per il lago di Vico, la Porto San Giorgio Runners grande protagonista di giornata.
Domenica ricca di gare per la compagine sangiorgese.
Si inizia con il campionato Italiano master di mezza maratona di Trani, dove l’alfiere della Porto San Giorgio Runners, Ermes Marilungo, centra una prestazione eccezionale, nonostante una gara molto tecnica, ricca di cambi di direzione su una pavimentazione a tratti insidiosa per via dei lastroni scivolosi del centro storico, riesce a migliorare il suo personale sulla distanza di 25 secondi, che gli vale un quinto posto di categoria dietro a 4 grandissimi atleti (tutti ex professionisti). Finale di stagione caldo per lui che sarà impegnato a breve nella mezza maratona di Ancona e nel campionato nazionale di maratona il dieci di novembre a Ravenna.
Sempre a Trani ottima prova per Krasimira Nikolaeva nella 10 km in notturna del sabato sera.


Ancora i sangiorgesi protagonisti a Porto Sant’Elpidio con il terzo gradino del podio di categoria per Luisella Matteucci nella “Happy Run” che ha visto primeggiare anche Marsili Stefano, Claretti Ennio, Recchioni Matteo e Marco Mecozzi. Ottima prova anche per Cappelletti, Giacomozzi, Cruciani, Abbruzzese, Marilungo Giorgio, Tarulli, Aureli, Quinzi, Carelli e Sforzi. Bene anche Mattei, e le sorelle Ferri nella non competitiva.

Moltobene anche Lorella Sandroni e Leonardo Rutili nella mezza maratona del lago di Vico, nonostante un tracciato ostico per via dei continui saliscendi dall’inizio alla fine.

Notevole la prova di Ballatori Francesco nella 10 km di Rodi in Grecia. Anche qui tracciato impervio e caldo imprevisto (oltre 34 gradi) hanno messo a dura prova gli atleti accorsi.

Per concludere vanno citati Andrea Mandolesi, Carlo Paoloni, Mariani Manuela, Andrea Iommi (a spingere la carrozzina del piccolo Diego donataci dalla Fondazione per lo Sport Silvia Rinaldi Onlus), Graziano Del Gatto e Moreno Capancioni in trasferta a Milano per la più partecipata gara italiana, la “Dee Jay teen”.

Share This